Mobilità Erasmus +?

Ogni anno l’Unione Europea sostiene oltre 400.000 giovani nel lavorare, formarsi e studiare all’estero. – E tu puoi essere uno di loro!

L’Azione Chiave 1 Erasmus + (KA1) fornisce finanziamenti alle organizzazioni per offrire opportunità a giovani e studenti, insegnanti e formatori, discenti e fornitori, apprendisti, volontari, leader giovanili e coloro che lavorano nello sport comunitario. Quindi se fai parte di uno di questi gruppi di destinatari, c’è la possibilità che tu trascorra un certo periodo in uno dei 33 cosiddetti   Paesi del Programma.

Il Centro di conoscenza Europeo per la Mobilità si concentra sul campo dell’istruzione e della formazione professionale. Se si appartiene a un altro gruppo destinatario o se si cercano ulteriori informazioni sul programma stesso, visitare la pagina Web della Commissione Europea.

Perché dovrei andare all’estero?

Vivere e lavorare all’estero è un’opportunità unica, soprattutto se gratuita o a basso prezzo grazie ai finanziamenti Erasmus+!

Aggiornerai il tuo CV e avrai più ampie opportunità di lavoro in seguito, svilupperai ulteriormente la tua personalità, diventerai più aperto, approfondirai le tue competenze linguistiche e imparerai a conoscere un nuovo Paese, nuove persone e fare amicizie!

Come posso essere coinvolto?

Devi trovare un’organizzazione che ti mandi all’estero. Questa può essere la tua scuola professionale, la tua agenzia formativa o anche un’altra organizzazione.

Per prima cosa chiedi al tuo insegnante o formatore e, se non c’è possibilità, dai un’occhiata al nostro database di ricerca dei partner (cerca l’organizzazione di invio) o contatta l’Agenzia Nazionale del tuo Paese.

Cosa posso fare all’estero?

Puoi frequentare una scuola europea per l’istruzione e la formazione professionale o acquisire reali esperienze lavorative in un’azienda.

La durata può essere compresa tra 2 settimane e 3 mesi o in Erasmus+Pro tra i 3 e i 12 mesi.

Il tirocinio all’estero conta di solito per la formazione in patria, anche grazie a strumenti come ECVET.

Alcuni fatti

Negli ultimi 30 anni circa 9 milioni di persone hanno partecipato a Erasmus+.

Nel 2016 725.000 persone sono andate all’estero per studiare, formarsi, insegnare, lavorare o fare volontariato con il sostegno dei finanziamenti erogati tramite Erasmus+.
Cinque anni dopo la laurea il tasso di disoccupazione dei giovani che hanno studiato o si sono formati all’estero è del 23% inferiore a quello dei loro coetanei non mobili.

Il procedimento di mobilità

 
  • Domanda: ogni anno a Febbraio l’organizzazione di invio può richiedere finanziamenti Erasmus+. In caso di approvazione, le prime eventuali partenze possono essere effettuate verso la fine dell’estate, ma non prima che vengano risolti diversi problemi amministrativi (contratti, accordi di apprendimento, ecc.).
  • Selezione: Verifica con l’organizzazione di invio i criteri di selezione per i beneficiari e controlla di quali documenti hanno bisogno.
  • Definisci i tuoi obiettivi: concorda con la tua organizzazione di invio e le eventuali organizzazioni ospitanti/coordinatori ospitanti su risultati di apprendimento realistici.
  • Preparazione linguistica e culturale: Sii consapevole che non solo le tue capacità professionali sono importanti, ma anche le tue abilità linguistiche. Meglio riesci comunicare nella lingua del tuo Paese ospitante, migliore sarà la qualità del tuo tirocinio. Verifica i requisiti e partecipa a un corso di lingua (ci sono offerte online gratuite in diverse lingue). Inoltre, tieni presente che ogni Paese è diverso e preparati per questo, ad es. con il nostro gioco.
  • Disposizioni pratiche: Assicurati di disporre di tutte le informazioni necessarie su viaggio, alloggio, assicurazioni, imbarco, trasferimento e trasporto locale
  • Goditi il tuo soggiorno all’estero e fai alcune registrazioni.
  • Dopo il tuo ritorno, devi valutare la tua esperienza. Riceverai un’e-mail dal Mobility Tool dell’UE. Compila il questionario il prima possibile.

Come finalizzare la relazione finale per i beneficiari?